Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
Andermatt Swiss Alps

60 anni fa la conquista dell’Everest (con un protagonista Made in Switzerland)

Il nome Tenzing Norgay forse non dirà molto a tanti di voi, eppure suo fu il piede che il 29 maggio del 1953 per primo si posò sulla cima dell’Everest, concretizzando un primato unico e indimenticabile.
Oggi – a 60 anni esatti da quel giorno – ci uniamo anche noi ai festeggiamenti perché fieri del fatto che uno dei top brand svizzeri più conosciuti al mondo  partecipò all’impresa da vero protagonista.
Bally, il celebre marchio di moda e accessori, progettò infatti gli specialissimi scarponi indossati dallo sherpa.

Bally_Everest
La suola di gomma fu una svolta epocale: per la prima volta Bally sperimentò una calzatura con meno metallo, scongiurando ai minimi termini il rischio di geloni. Disegnati per reggere a un’altitudine di almeno 7000 metri, gli scarponi diedero prova di adattarsi all’avventura (la cima dell’Everest si staglia a 8848 metri) contribuendo certamente tantissimo alla riuscita della scalata.
D’altronde il brand aveva dalla sua quasi 20 anni di esperienza: Bally iniziò infatti nel 1940 a studiare e produrre speciali prototipi per la Swiss Foundation for Alpine Search e contribuì a diverse spedizioni in alcuni degli angoli più remoti e impervi del pianeta.
Orgogliosi di questo spirito pionieristico e dell’amore per l’avventura e la montagna, troviamo diversi punti di contatto con questo marchio – al di là della patria!

Bally-Mens-Autumn-Winter-2013-Collection-9 Gallery_bally_GG7lmgw

E’ certamente una di quelle occasioni in cui è giusto brindare all’impresa, al coraggio e alla lungimiranza. Bally lo fa lanciando una collezione Uomo heritage, che richiama lo stile di quegli anni mitici, riproponendo anche l’inossidabile scarpone di Norgay.
Non di sola moda si tratta, perché il fitto calendario di eventi dedicati vede il suo ritorno charity grazie alla partecipazione di organizzazioni come Mount Everest Foundation e The Himalayan Trust – che contribuiscono entrambe alla salvaguardia della cultura sherpa.

Con questo post rendiamo merito a valori molto simili a quelli che ci contraddistinguono come Andermatt Swiss Alps: l’amore per la natura, il rispetto estremo per la montagna, la voglia di superare i propri limiti e l’entusiasmo nel creare qualcosa di inestimabile e nuovo.

Clicca qui per conoscerci meglio!

Aggiungi un commento

Si prega di compilare tutti i campi contrassegnati da asterisco (*)