Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
Andermatt Swiss Alps

Costruire ad Andermatt in inverno

Chedi Residenzen Innenausbau  (31)_bearb.

Proseguono ad Andermatt i lavori di costruzione nonostante le temperature invernali. È però condizione indispensabile che tutte le aperture degli edifici siano ben chiuse, ossia che siano montati tetto, porte e finestre. Se le cose stanno così, i lavori interni possono andare avanti indipendentemente dal tempo. O almeno in parte, perché non deve naturalmente diventare troppo freddo. Thomas Balzli, capoprogetto del cantiere delle residenze Chedi, ci ha accompagnati a fare un giro di visita. Entrando nell’area del cantiere si notano naturalmente, prima di tutto il resto, i muri bianchi altissimi. Durante i freddi mesi invernali, in cui si può arrivare a volte fino ad una temperatura di – 20 gradi, gli edifici vengono infatti avvolti in teloni di plastica, che proteggono perfettamente dal clima, mantenendoli al caldo, i muratori che tutti i giorni lavorano alle facciate sulle impalcature e che al momento stanno fissando gli elementi in pietra naturale. “I grandi impianti di riscaldamento del cantiere  soffiano aria calda nello spazio compreso tra la facciata e il telone. Così i lavori possono essere portati avanti senza pericolo di gelate  e anche l’interno delle case resta in questo modo sufficientemente caldo. Tali apparecchiature o comunque altre simili vengono spesso impiegate anche per riscaldare grandi tensostrutture “, ci spiega Thomas Balzli.

Chedi Residenzen Innenausbau  (21)_bearb.

Ben protetto e al caldo è anche l’operaio addetto alla betoniera che si trova all’aperto. Prepara infatti con sabbia e acqua l’impasto di calcestruzzo per i suoi colleghi che lavorano alle pavimentazioni all’interno dell’edificio. L’impasto viene pompato direttamente nei singoli spazi attraverso una lunga conduttura.

Infatti entrando negli edifici si sente proprio l’odore di calcestruzzo fresco e quindi è chiaro che qui ci troviamo sicuramente in un cantiere attivo. Non facciamo in tempo ad entrare nel primo vano, che veniamo accolti da un amichevole “Buongiorno signor Balzli”, proveniente da un angolo. Uno dei direttori dei lavori della ditta Consonni ci saluta e ci illustra lo stato attuale dei lavori. La sua squadra al momento è impegnata nel montaggio delle pareti leggere, che vengono fissate direttamente sulla pavimentazione. “Queste persone trasformano degli spazi grandi come palestre in appartamenti abitabili “, sorride compiaciuto Balzli. Dall’altro capo del locale ci abbaglia una luce accecante. Sono gli installatori di sanitari e i montatori elettrici, che stanno installando gli impianti di base prima che i muri vengano rivestiti, ossia prima che i muri fissati vengano ricoperti con lastre di gesso.

Chedi Residenzen Innenausbau  (35)_bearb.     Chedi Residenzen Innenausbau  (14)_bearb.

Nell’edificio che si trova di fronte vengono invece stesi sul pavimento metri di tubature rosse disposte circolarmente. Si tratta del riscaldamento a pavimento, che il prossimo inverno garantirà un piacevole calore all’interno degli appartamenti. Le condutture di riscaldamento non vengono però distribuite sull’intera superficie: in diversi punti del pavimenti sono infatti segnate delle aree che devono essere lasciate libere dalle tubature. “Su queste aree segnate saranno fissati i blocchi cucina o le vasche da bagno e sono riconoscibili dai punti di ingresso e uscita dell’acqua.“

Chedi Residenzen Innenausbau  (19)_bearb.     Chedi Residenzen Innenausbau  (20)_bearb.

Con la posa dei pavimenti inclusivi di impianto di riscaldamento e dei muri divisori lo sviluppo standard è in pratica già terminato. Da qui ha però subito inizio lo sviluppo degli interni. Così ci spiega Thomas Balzli: “Dopo aver concluso le installazioni standard, ci occupiamo dei desideri specifici del cliente.“ A questo punto intervengono il collega di lavoro Philipp Eigenmann e l’architetto responsabile Beat Jäggi.

Ma anche all’esterno c’è ancora del lavoro da fare: dopo il completamento delle facciate si affronta l’obiettivo seguente ossia lo sviluppo dei tetti. Prima però si deve sciogliere la neve. Non appena le temperature si abbassano, si partirà con questi lavori, il che avverrà presumibilmente verso la metà di maggio. Si spera che per allora non ci sia più bisogno del riscaldamento.

Aggiungi un commento

Si prega di compilare tutti i campi contrassegnati da asterisco (*)