Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
Andermatt Swiss Alps

“Il nostro capo? La natura!”

“Sono pronto per l’esplosione in vetta, siete fuori dalla zona di pericolo?“, chiede  via radio ai suoi colleghi, che si trovano in zona con il gatto delle nevi,  Carlo Danioth, responsabile delle piste e del  servizio di salvataggio di Andermatt nella SkiArena Andermatt-Sedrun. La messa in sicurezza delle slavine nel comprensorio sciistico sia sul Gemsstock che a Nätschen-Gütsch è una delle più grosse sfide che deve affrontare nel suo lavoro. “Tutte le mattine dobbiamo effettuare di nuovo una valutazione del territorio, analizzando nei dettagli i pendii. Ciò diventa indispensabile proprio in alta montagna sul Gemsstock così ripido.“ I soggetti principali di questa valutazione sono il vento, la neve fresca e la temperatura. Ecco perché ogni giorno è diverso dall’altro.

Carlo_Blog  Carlo 2 _Blog

Il lavoro di Carlo Danioth e della sua squadra dipende dalle condizioni atmosferiche. “La cosa migliore è quando riusciamo a preparare le piste alla sera. In quel caso magari lavoriamo fino a notte fonda, ma la neve ha tutto il tempo necessario per riposare e consolidarsi, prima che gli appassionati di sport invernali inizino le loro attività.” Quando però di notte cadono forti nevicate, allora alle quattro del mattino sono tutti già al lavoro per controllare che le piste siano pronte e in perfetto stato puntualmente. “Il corso della nostra giornata viene scandito dalla natura. Ed è giusto che sia così. Ho già 25 stagioni invernali alle mie spalle e sono ancora affascinato dal mio lavoro con la neve”.  Per lui e per la sua squadra la stabilità del tempo è indispensabile. “La stagione invernale qui da noi è molto lunga, infatti io indosso per almeno sei mesi i miei scarponi da sci “, ride Carlo Danioth. Chi sta volentieri sulle piste o ama piuttosto trascorrere il suo tempo libero praticando il Freeriding, con questa squadra che cura le piste è nel posto giusto. Sicuramente poi conta molto anche l’esperienza di saper valutare la situazione dei pendii.

Beschneiung_blog VielSchnee_blog

“Quest’anno abbiamo avuto un buon inizio nella SkiArena Andermatt-Sedrun. Con l’irruzione anticipata dell’inverno all’inizio di novembre, soprattutto sul Gemsstock si è formata una buona base. Naturalmente abbiamo i cannoni sparaneve, ma quando fa troppo caldo non li possiamo attivare.”  Oltre ad occuparsi totalmente delle piste, Carlo Danioth e la sua squadra di giorno sono anche responsabili del primo soccorso. In caso di incidente sono loro i primi a intervenire, ad esaminare l’infortunato e a decidere poi come lo si può trasportare, se con la slitta o con l’elicottero.  “Soprattutto sul Gemsstock abbiamo molti Freerider e qualche volta i salvataggi si devono effettuare in zone molto impervie, anche se nella parte di comprensorio sciistico di alta montagna più difficile da raggiungere succede relativamente poco.” Sicuramente questo dipende dal fatto che Carlo Danioth sa valutare bene le montagne e le condizioni della neve grazie alla sua pluriennale esperienza e quando è necessario vieta l’accesso ad alcune zone che sono a rischio slavina. La sua principale priorità dopo 25 anni continua ad essere sempre vigilare sulla sicurezza degli amanti degli sport invernali giorno dopo giorno.

Gemsstock_blog

Aggiungi un commento

Si prega di compilare tutti i campi contrassegnati da asterisco (*)