Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
Andermatt Swiss Alps

Tendenze Globali dell’Industria Sciistica – un guest post di Louise e Simon Hudson

Grazie al nuovissimo sviluppo pianificato e in corso di realizzazione, la SkiArena Andermatt Sedrun è certamente di grande tendenza al momento. Ma come si colloca nello scenario globale dell’industria sciistica?

GEmsstock_blog

L’industria dello sci e dello snowboard hanno vissuto una notevole crescita negli ultimi cinquant’anni. Si stima che oggi ci siano circa 120 milioni di sciatori e di snowboarder nel mondo, con circa 2000 località sciistiche in 80 paesi che alimentano questo importante mercato. Mentre le destinazioni classiche del Nord America, dell’Europa Occidentale, del Giappone, della Nuova Zelanda e dell’Australia stanno vivendo la loro maturità, ci sono delle nuove località in Asia e nell’Europa dell’Est che sono entrate nella competizione per far sbocciare generazioni di sciatori provenienti da paesi come la Cina e la Russia. Accanto a questi avvicendamenti demografici, la tecnologia sta avendo un enorme impatto sui prodotti e i servizi per lo sci e su come vengono vissuti.

Diversificazione

Anche se la SkiArena Andermatt Sedrun sta crescendo, non succede sempre così altrove. Nel Nord America, per esempio, negli ultimi vent’anni c’è stato un crollo del numero di villaggi turistici da 516 a 478 e, secondo gli esperti, perché le nuove realtà abbiano successo, devono offrire sufficienti infrastrutture per l’ospitalità, prestare una nuova attenzione e rinvigorire la cultura degli sport invernali, stringere alleanze e partnership tra villaggi turistici ed effettuare continui investimenti nelle strutture per la produzione di neve artificiale e altre infrastrutture. La diversificazione è un altro elemento essenziale per la sopravvivenza di una località sciistica. Un recente report ha rivelato che un turista su cinque tra quelli che scelgono una vacanza sugli sci non sa in realtà sciare né andare sullo snowboard. Questi viaggiatori cercano delle attività alternative di cui godere, dalla ristorazione allo shopping ad altre esperienze tipiche della montagna come le gite in slitte trainate da cani, la teleferica invernale, le escursioni con le ciaspole, ecc..

Winterwandern_blog

Dati Demografici

Mentre le visite complessive degli sciatori/ sportivi della neve non sono cambiate molto in vent’anni, la composizione di coloro che scendono sulle piste lo è. Il numero di sciatori che vengono a valle sulle piste è crollato, mentre il numero di snowboarder è più che duplicato. Più donne stanno partecipando ad entrambe le attività e i partecipanti tendono ad essere più vecchi di quanto lo fossero vent’anni fa. Forse ciò che desta maggior preoccupazione è il crollo sostanziale del numero di lezioni erogate oggi rispetto a vent’anni fa, il che implica che potrebbero esserci meno principianti ad affrontare le piste. Certamente, nel Regno Unito, la preoccupazione maggiore è che le scarse prestazioni del mercato delle scuole avranno un impatto negativo sul numero di nuovi ingressi in questo sport.

Andermatt

Sciatori che non praticano più lo sport

Tuttavia, alcuni esperti sostengono che la più grande opportunità per le località sciistiche stia nel convincere coloro che già hanno scelto come sport lo sci o lo snowboarding a praticarlo maggiormente oppure nel convincere coloro che li hanno abbandonati a riprenderli, invece di rivolgersi a quelli che non hanno mai sciato o praticato lo snowboard prima d’ora. In America, per esempio, ci sono 10,5 milioni di persone che si considerano sciatori o snowboarder, ma non praticano più questi sport a causa dei maggiori impegni familiari, perché non hanno nessuno con cui sciare o scendere con la tavola, per la mancanza di forma fisica e altre questioni che li trattengono dal partecipare.

Varietà Etniche

Anche se la varietà etnica dei partecipanti sta migliorando, ancora non corrisponde alla varietà riscontrata nella popolazione generale. I livelli di reddito e di istruzione sono più predittivi dell’etnicità per quanto riguarda la pratica degli sport della neve. Certamente si potrebbe fare di più per attrarre a praticare gli sport invernali una base di partecipanti più diversificata.

Crosscountry_blog

Turismo Accessibile

L’industria degli sport invernali in generale potrebbe fare anche di più per corteggiare il mercato del turismo accessibile (di chi è affetto da disabilità). Le dimensioni potenziali del settore del turismo accessibile si stima intorno ad una cifra tra i 600 e i 900 milioni di persone in tutto il mondo, il che significa che circa il 10 per cento dei viaggiatori cercano delle tipologie di viaggio senza barriere e accessibili. A fronte di una popolazione che sta invecchiando, tale percentuale continuerà a crescere e appare chiaramente evidente che questo non sarà più un mercato di nicchia. Soltanto negli Stati Uniti, gli adulti portatori di disabilità spendono 13.6 miliardi di dollari in viaggi ogni anno. Mentre la SkiArena Andermatt Sedrun si trova ancora in fase di sviluppo, bisognerebbe prestare attenzione alla creazione di accessi e strutture per gli sciatori disabili. C’è molto da imparare da Sun Peaks (progettato anche da Ecosign) nella regione della British Columbia, in Canada, che è un buon esempio di villaggio turistico per lo sci accessibile.

Il Marketing attraverso i Social Media

Con il subentro dei social media al marketing tradizionale, ogni villaggio turistico deve aggiornare la propria presenza su Facebook, Twitter, You Tube, Instagram e Snapchat per attirare nuovi sciatori, gli sciatori che non praticano più, le minoranze etniche, ecc.. Gli sciatori e gli snowboarder spesso praticano gli sport invernali solo per una o due settimane all’anno, ma sono felici di parlarne molto più a lungo quando ritornano a casa. La crescita dei social media offre un’opportunità ideale ai villaggi turistici di entrare in rapporto con ospiti potenziali e del passato e mantenere alto l’entusiasmo nei periodi tra una visita e l’altra oppure fuori stagione. Alcune cose essenziali che la SkiArena Andermatt Sedrun deve comunicare con questi mezzi sono il suo nuovo ruolo come il più grande progetto di sviluppo sciistico della Svizzera, il più grande comprensorio sciistico della Svizzera centrale, e anche il fatto che gli stranieri possono investire lì in una proprietà. Un altro strumento di marketing contemporaneo consiste nell’attrarre le produzioni cinematografiche che generano il turismo legato ai film. Basta vedere cosa succederà a Sölden quando a novembre debutterà il nuovo film di 007, Spectre.

Spazieren_blog

Recuperate i Britannici

A causa di alcune modifiche delle leggi svizzere per l’impiego, migliaia di giovani sciatori britannici (la linfa vitale della bassa stagione!) sono stati persi dai villaggi turistici svizzeri. Le agenzie immobiliari britanniche che affittano villette e che tradizionalmente assumevano uno staff di giovani britannici per gestire le loro attività a basso costo, non vogliono affrontare la spesa corrispondente ai salari minimi svizzeri. Questa è un’opportunità per la SkiArena Andermatt Sedrun. Un modo per far tornare gli sciatori britannici potrebbe essere proporre lavori nel campo dell’ospitalità sotto forma di stage o apprendistato, offrendo allo staff vitto, alloggio, spese e pass per lo sci gratuiti invece di una vero e proprio salario. È solo un’idea, se ne possono trovare altre. Andermatt ha bisogno di essere creativo per poter sorpassare gli altri villaggi turistici e appropriarsi di questo redditizio mercato.

 

Hudson Blog

Biografie:

La giornalista specializzata nello sci, Louise Hudson e il professore di scienze turistiche, Dr. Simon Hudson sono gli autori dell’eccezionale libro sullo sci Winter Sport Tourism: Working in Winter Wonderlands, pubblicato dalla casa editrice britannica Goodfellow. Leggetelo per conoscere meglio Andermatt, Verbier, Solden, Sun Peaks e molti altri villaggi turistici a livello mondiale e le tendenze e le innovazioni che caratterizzano l’industria degli sport invernali. Seguite gli articoli sullo sci di Louise all’indirizzo e seguitela su Twitter.

Aggiungi un commento

Si prega di compilare tutti i campi contrassegnati da asterisco (*)