Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
Andermatt Swiss Alps

Un insolito Garage per le Golf Car

back-shop-e1470999159399

In qualità di primo campo da golf della Svizzera, l’Andermatt Swiss Alps Golf Course è stato debitamente dotato delle necessarie Garia Golf Car. Dieci esemplari di questi bolidi sono ora a disposizione dei golfisti. E, con una flotta così esclusiva, non poteva mancare anche l’opportuno alloggio per custodirle.

Proprio in prossimità della clubhouse del golf sorge una stalla quasi centenaria. Era un desiderio di Samih Sawiris che essa non fosse semplicemente demolita. Numerose idee e programmi si sono avvicendati riguardo a ciò che si poteva fare di questo edificio. Basandosi sulle esperienze acquisite durante il periodo di attività pre-apertura, questa primavera è stato deciso di adibire la stalla a «Back-Shop», prevedendone un ulteriore ampliamento. Urs Herger, Project Manager per la divisione Planning & Construction di Andermatt Swiss Alps AG, ha assunto la direzione del progetto, trasformando la vecchia stalla in un affascinante edificio per la custodia delle attrezzature da golf, dei trolley presi a nolo e delle summenzionate golf car. Al piano terra è stata inoltre installata una piccola officina.

Gli addetti ai lavori hanno intrapreso la gara contro il tempo, affrontandola a quattro mani. “Una delle sfide era data senza dubbio dai tempi brevi che avevamo a disposizione per attuare la trasformazione. Abbiamo iniziato ad aprile e i lavori dovevano essere completati entro l’apertura ufficiale prevista per il 25 giugno. Questo ha richiesto il massimo impegno in termini di logistica e coordinamento.” A prima vista, la stalla così trasformata appare poco proporzionata, ma questo effetto dipende dal fatto che l’area è stata ampliata tutt’intorno di circa 1,5/2m. “Al fine di evitare, in seguito, problemi con l’umidità del terreno proveniente dall’esterno, abbiamo incorporato nel seminterrato una vasca di cemento a tenuta stagna. Abbiamo inoltre modificato la suddivisione dello spazio, inserito un controsoffitto e il tetto è stato rifatto con una costruzione autoportante. Allo scopo di mantenere intatto il fascino dell’antica stalla, negli interni dell’edificio è stata mantenuta la struttura originale in legno di corniolo scolpito, oltre agli arcarecci di tondelli a vista. La facciata esterna composta di assi di legno è stata invece sostituita, scegliendo assi di legno “Douglas”.”

Un’ulteriore particolarità del Back-Shop è costituita dalla complessa alimentazione dell’energia elettrica. «Le dieci Golf Car e i numerosi Hand-Trolley sono muniti di motore elettrico. Poiché non potevamo caricare tutti gli accumulatori contemporaneamente, abbiamo dovuto collegare le prese di corrente con un timer di modo che, pur non potendo servire tutte le prese di corrente contemporaneamente, si potessero tuttavia caricare tutti gli accumulatori a sufficienza durante la notte. Grazie a questa soluzione molto economica, non abbiamo dovuto installare un trasformatore sovradimensionato e costoso». Il nuovo e antico Back-Shop è attivo e dinamico. E dove prima si conservava il fieno e dormivano le vacche, sono oggi custodite dieci eleganti Golf Car.

Aggiungi un commento

Si prega di compilare tutti i campi contrassegnati da asterisco (*)